Per anni mi sono divertito a leggere i post del personaggio noto come Uriel Fanelli pubblicati quasi con cadenza giornaliera sul suo blog. Era da un poco che non lo visitavo e ci sono rimasto abbastanza di cazzo nello scoprire che era chiuso, caput, finito. Cercando a destra e manca ho trovato un sito dove un fan (o piu’ di uno) ha raccolto i suoi articoli per far si che ne resti almeno una traccia… Beh, voglio farlo anche io con il suo ultimo post, il suo saluto dove, come al solito, traccia un ritratto abbastanza tagliente di quello che si e’ visto girare intorno… Che dire, mi manchera’… Si e’ fatta una certa. di Uriel Fanelli Era un pochino che notavo qualche difficolta’, ma ho sempre rimandato una riflessione profonda. Forse perche’ motivi di orgoglio – troppi aspettavano questo momento con gioia – mi spingevano a continuare. Ora pero’ me ne frega pochissimo di quelle persone – l’indifferenza ha superato, finalmente, il fastidio – e allora mi sono trovato in un silenzio , che mi ha aiutato a prendere la decisione. Stavolta e’ vero, per una ragione. L’ho deciso io solo. Non ho un gruppo di psicopatici addosso (o meglio, …

Tempo fa, su suggerimento del mio dealer di fumetti preferito, lessi uno dei fumetti che piu’ mi e’ rimasto impresso fino ad oggi, Channel Zero di Brian Wood, se non ne avete mai sentito parlare, beh, leggetelo, e’ stupendo… All’interno del fumetto c’erano diverse pagine con disegni provocatori e l’invito e tagliare la pagina, fotocopiarla e attaccarla in giro. Uno dei volantini che erano presenti era questo: Concetto semplice (di sicuro Brian Wood non e’ stato il primo ad usarlo) e facile da afferrare. Ma come spesso accade, e’ vero anche il contrario… “Your mind is a weapon. USE IT.” La tua mente e’ un’arma. USALA. Se, per assurdo, proviamo ad invertire il concetto, potremmo trasformarla in “L’ignoranza altrui e’ un’arma. USALA” e questo e’ un concetto che in politica, in ogni paese ed in ogni epoca, ha sempre funzionato. Dal famoso “Dio ti vede Stalin no” fino alle bufale create dai politici nostrani come la storia secondo la quale le “orde” di immigrati che stanno per sbarcare sulle nostre coste stanno per farci morire tutti di Ebola (Il Giornale in questo e’ maestro, come sempre).

Non sono uno che va cercando la “giustizia” a tutti i costi, sopratuttto in un paese, come l’Italia, dove la frase “La legge e’ uguale per tutti” che campeggia in tutte le aule dei tribunali dovrebbe essere sostituita da una piu’ realistica “due pesi e due misure”, ma vorrei un attimo ragionare sulle nuove prospettive che si aprono dopo la recente condanna di Silvio B. Non voglio commentare la condanna, come ci si e’ arrivati o altro, non sono un giornalista o un giurista, di leggi ne capisco poco e piu’ sto lontano dalle aule di tribunale e meglio mi sento. Quello che voglio fare e’ solamente vedere la questione Condanna-Berlusconi da un altro punto di vista. Ho iniziato a lavorare nel 2003, a 24 anni, piu’ o meno sempre in regola quindi, di conseguenza, pagando tasse etc. etc. Tagliando con l’accetta, considerando lo stipendio che prendevo quando ho iniziato e quello che prendo adesso, potrei dire che, in media, l’obolo che ho passato allo stato pagando i contributi/tasse si aggira intorno ai 600 euro al mese. Fino ad oggi, quindi, il mio contributo e’ di, piu’ o meno 79.200 euro prelevati dalla mia busta paga. Considerando che dovro’ lavorare …

Per quanto uno si voglia alienare, per quando uno voglia lasciarsi il proprio paese di origine alle spalle, alla fine non ce la fai mai e io, come tanti altri expat che conosco, di tanto in tanto, durante la mia giornata, non posso fare altro che spulciare le news italiane per vedere cosa si dice nel belpaese. In questi 5 anni mi sono reso conto che più tempo passa e più la notizie che vengono date in Italia vengono in qualche maniera modificata per dare una visione più “italianeggiante” del mondo. In parte e’ un processo normale, insomma, se cade un aereo con 400 persone a bordo e ci sono 3 italiani e’ giusto, in qualche maniera, che la TV e la stampa italiana si soffermino di più sui 3 italiani che sugli altri 397, penso sia normale o, quantomeno, cosi’ fan tutti. Non si cambia la notizia, non la si snatura, la si rende solo più “vicina”. Il problema, pero’, sorge quando le notizie vengono totalmente stravolte per dare una visione italianocentrica del mondo. La prima volta che mi sono scontrato con questo “problema” e’ stato l’anno scorso quando durante una pausa pranzo dei miei colleghi mi chiedevano la …

Sono passati ben 5 anni da quando, il 2 Ottobre del 2008, mi trasferivo ad Amsterdam coronando il mio sogno da diciottenne con un poco di ritardo e motivazioni molto diverse da quelle che mi aspettavo da “giovane”… Altri 2 anni da quando scrissi il mio post sui miei primi 3 anni ad Amsterdam e la casa e’ sempre la stessa, anche mia moglie, ho una nuova bici e, soprattutto, da quasi 5 mesi sono diventato padre… Insomma, tutto procede bene e, soprattutto, tutto promette bene per i prossimi 5 anni! Mentre io mettevo su famiglia e facevo discreti passi in avanti dal punto di vista lavorativo, in Italia si sono avvicendati 3 Governi (Berlusconi IV, Monti e Letta), un nuovo dittatore sta crescendo (Grillo) e la disoccupazione “giovanile” (18-24 anni) e’ passata dal 26% al 37,8% mentre la disoccupazione che riguarda la mia fascia d’età (quindi fino ai 34 anni), la disoccupazione che colpisce i giovani che hanno finito gli studi e iniziano (o dovrebbero) iniziare a lavorare e a mettere su famiglia, e’ salita dal 33% del 2008 al 39,8%, se poi vediamo in particolare il Sud saliamo al 49%. Insomma, potrei quasi dire che sono andato via …

Antefatto (nel caso in cui qualcuno negli ultimi 2 giorni avesse vissuto sulla Luna): Guido Barilla, presidente della Barilla, partecipa alla trasmissione radiofonica La Zanzara e, tra le tante stronzate che dice, pronuncia la seguente frase: “Non faremo pubblicità con omosessuali, perché a noi piace la famiglia tradizionale. Se i gay non sono d’accordo, possono sempre mangiare la pasta di un’altra marca.” E via di rivoluzione 2.0 con un micidiale attacco a suon di hashtag, articoli su blog, giornali etc. etc. Sinceramente a me tutto sto bordello fa semplicemente cacare e mi sa dell’ennesima rivolta della fuffa in puro stile italiano. Ora, a costo di far girare le palle a quei pochi (conoscenti) che leggono mi piacerebbe esprimere la mia… Ho avuto il coraggio e lo stomaco di sentirmi l’intero podcast della Zanzara e per tutta la durata della sua intervista Guido Barilla ha sparato tante di quelle cazzate che farne il conto mi risulta impossibile. Ha esordito con l’elogio di Silvio Berlusconi definendolo un perseguitato dalla giustizia, un grande comunicatore e affermando che il suo sogno sarebbe averlo come testimonial dei suoi prodotti. Un paio di battute facili facili sui loro spot pro-integrazione (quello in cui una bimba “cinesina” …

Simpatico ed esilarante il siparietto col quale la vecchia dirigenza del PDL, alla ricerca di un nuovo leader, ha scelto di votare per la Monarchia e ri-scendere in campo al fianco (o meglio alle spalle) di Marina Berlusconi. Ancora una volta il Cav. ha colto nel segno, alla grandissima! Giovane, piacente, donna in carriera e, soprattutto, stesso nome del padre! Non dovranno rimuovere il nome BERLUSCONI dal simbolo del partito, non dovranno ristampare i manifesti o rifare gli striscioni delle manifestazioniu… Insomma, una bella mossa e, in fin dei conti, continuitá sotto tutti i punti di vista. Mi godo lo spettacolo, come al solito, da debita distanza, me la rido, insomma, ma una cosa voglio dirla e scriverla cosi’, quando tra 5 anni saremo punto e d’accapo con le accuse alle “toghe rosse” potró gongolarmi con un bel “io lo sapevo che finiva cosi’!”.

E cosi’ in Turchia si manifesta e, in un paio di giorni, si e’ passati da una protesta per un parco al dare fuoco alle sedi del partito del Presidente turco… Tutta l’informazione main-stream italiana sta coprendo gli eventi in maniera impeccabile tifando, in maniera spudorata, per i manifestanti dato che, per quello che ne sanno loro, non manifestano solo per difendere un parco MA (e forse soprattutto) contro le politiche “islamiste” e, quindi, i manifestanti turchi sono dalla stessa parte delle bombe americane lanciate per combattere i terroristi, insomma, i manifestanti sono dalla nostra stessa parte della barricata. Non bisogna dimenticare, pero’, come il tutto e’ iniziato, con delle proteste contro l’abbattimento di un parco cittadino, qualcosa simile, anche se lontanamente, alle battaglie che da anni si combattono in Italia contro la TAV che minaccia non solo pochi alberi, ma un’intera valle… Comunque non voglio parlare della TAV o delle proteste in Turchia (non perche’ non mi interessi, anzi, ma, semplicemente perche’ ci sono altri siti dove se ne parla molto meglio!), ma di come i media italiani ne parlano… I manifestanti turchi sono, per tutti, da Il Giornale e Il Fatto Quotidiano, dalla parte del giusto, mentre la …

Da poco e’ stata pubblicata l’annuale classifica del Sole24Ore sulla qualita’ della vita nelle principali citta’ italiane. Quest’anno Napoli e’ finita all’ultimo posto suscitando, ovviamente, non poche polemiche… Oggi, poi, ho trovato in giro sulla rete un articolo, meglio dire, un commento, scritto da Erri De Luca che commenta questa classifica. In realta’ le sue parole sono state trascritte da un’intervista che rilascio’ nel 2010 sempre, comunque, a commento della classifica del Sole24Ore. Comunque, ecco cosa Erri De Luca ha detto: “Ignoro i criteri di valutazione ma dubito che siano adeguati allo scopo. C’è qualità di vita in una città che vive anche di notte, con bar, negozi, locali aperti e frequentati, a differenza di molte città che alle nove di sera sono deserte senza coprifuoco.”

Sono giorni che si discute senza fine in rete di quello che e’ accaduto a Roma durante la manifestazione del 15 ottobre e sono giorni che i Social Network, FaceBook in testa, vengono usati da zelanti indignati e delatori per mandare alla forca manifestanti facenti parte, presumibilmente, del Blocco Nero. La prima cosa che mi va’ di dire e’ come, noi Italiani, riusciamo sempre a distinguerci dalle masse. Oltre ad essere stati gli unici che hanno inscenato una vera e propria rivolta durante questa giornata di mobilitazione internazionale (forse e’ successo solo a Roma perche’ la situazione in Italia e’ peggio di quella negli altri paesi), siamo anche gli unici al momento che abbiamo/stiamo/vogliamo utilizzare i Social Network contro di noi!

Una delle funzioni di Facebook prevede la possibilita’ di reportare una pagina per vari motivi, uno di questi e’ istigazione all’odio nei confronti di gruppi etmici o razze. Proprio in questi giorni Telepadania ha mandato in onda un servizio dove si fa della facile (e alquanto scadente) ironia sulla raccolta differenziata a Napoli. Questo, a casa mia, si chiama RAZZISMO e, anche se non oso neanche immaginare il livello di cultura che circoli nella redazione di Telepadania, mi va si spendere qualche minuto per loro e vi chiedo, cortesemente, di spendere qualche minuto per loro… Come si dice a Napoli, “sempre per piacere e mai per comando”. andate alla pagina facebook di Telepadania (https://www.facebook.com/pages/Telepadania/16990996932) sul lato sinistro troverete il tasto REPORT THIS PAGE