Io non mi sento Italiano, ma come diceva Gaber…

Ci sono giorni come questi in cui veramente mi convinco che Berlusconi sia ormai una sorta di link bait, qualcosa da usare per attrare links e traffico, qualcosa da usare per fare notizia ed essere anche un poco radical chic. Arrivo al lavoro e mi controllo un poco le mail, dopo le mail spulcio un poco Twitter alla ricerca di qualcosa di interessante e trovo un link ad una scuola di yoga qui ad Amsterdam, la Lotte Yoga School. Perche’? Perche’ la loro homepage e’ questa:

Ora, queste sono le cose che rendono la vita di un immigrato ancora piu’ difficile… Non solo uno si lascia indietro famiglia e amici, ma devi anche andare in giro e sentirti dire, ogni volta che dici che sei Italiano: “ah, Berlusconi…”.┬áPreferivo di gran lunga quando alla parola “Italia” o “Napoli” si parlava di camorra, almeno era un discorso piu’ serio, ora finiamo sempre a barzelletta.

Per anni in Italia ci hanno fatto il lavaggio del cervello con la storia del “talento Italiano”, del “Genio Italiano”, roba che tutto il mondo ci invidia, senza renderci conto che parliamo di roba avvenuta almeno quei 300/400 anni fa… Fatta le dovute eccezzioni, non ci rendiamo conto che oramai la nostra fama all’estero si limita alle figure di merda che il nostro Presidente del Consiglio colleziona ogni giorno.

Come vorrei che Gaber fosse ancora vivo, mi piacerebbe sentire una versione riveduta e corretta di “Io non mi sento Italiano”…

Riusciremo un giorno a tornare quelli della “Pizza, sole e mandolino” o rimarremo sempre il popolo di Berlusconi?